Per come si è

[…] Scrivo su un giornale, aveva aggiunto con fierezza. In verità la sua firma era comparsa soltanto due volte nella pagina delle lettere. Ma la ragazza-Nietzsche non covava sospetti, né pareva attribuire particolare importanza alla lista di decorazioni più o meno attendibile che Moraldo sfoggiava. Sembrava, piuttosto, che le piacesse lui. Lui senza albero genealogico, lui senza medaglie. Il che, agli occhi dell’interessato, risultava tanto stupefacente, fittizio, da volerglisi opporre con tutte le forze: almeno in questo, contava riaffermare il principio di realtà. A niente valeva la dolcezza con cui lei gli spiegava che si poteva voler bene a qualcuno anche se non scrive sui giornali. Si può volere bene a qualcuno perciò che è. Senza nulla intorno. […]

Paolo Di PaoloMandami tanta vita, Feltrinelli, 2013, p. 22

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...