Contro l’odio di pochi, l’amore di molti (cit.). #EP15Riga

Le culture sono fatte di segni, simboli riconoscibili e condivisi in un comune sistema di valori. L’uomo li crea per superare le barriere di ogni genere. E sono ovunque, dove meno te lo aspetti, e magari non ci fai caso. Ad esempio, WhatsApp, che è il più grande network di messaggistica istantanea del mondo, con 800 milioni di contatti, ha tre iconcine che possono descrivere il concetti di famiglia. Tre. Non una. Una uomo/donna. Una uomo/uomo. Una donna/donna. Perché non esiste niente di più naturale dell’amore e della famiglia intesa come unione di persone che vogliono costruire qualcosa. Quello che non è naturale, invece, è cercare di distruggere, di confinare, di dividere, di contrapporre. Oggi puoi scegliere se stare a Roma, con chi dice che esiste una sola visione del mondo, oppure a Riga, dove l’Europa e il mondo rivendica il diritto di esistere nella sua enorme, complessissima e bellissima plurarlità.

Io, tanto per essere chiari, sto con Daniele Viotti. [link]

11147243_423893021114930_1312581294475540915_o

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...