Italodance e il nichilismo

Torino è letteralmente tappezzata di manifesti – anche molto grossi – che pubblicizzano la festa di capodanno che si terrà alle famigerate Rotonde di Garlasco (provincia di Pavia, 150 km da Piazza Castello) con dj resident Gigi D’Agostino. Probabilmente, l’aggressiva strategia di marketing è dovuta dai sabaudi natali del noto personaggio tanto in voga negli anni Novanta. Probabilmente, l’aggressiva strategia di marketing che si sviluppa in un’ampia offerta che prevede anche quattro diversi menù con diverse offerte fino alla fatidica ‘notte in albergo’, è dovuta all’ampio sfruttamento della ‘nostalgia’ per un passato che non tornerà più presso una delle ultime generazioni che forse riesce in qualche modo a spendere ancora dei soldi: dalle cassettine di HitMania Dance al capodanno con 10 ore di musica non stop per ricordarci di quando eravamo immortali. Tutta questa offerta di eterna giovinezza all’interno di una cornice di chiassoso ‘cafonal’ e colonna sonora dei BPM Italodance da immaginario collettivo post-Billionaire è forse la cosa più vicina agli ultimi giorni di Pompei che io riesca a ipotizzare. In tutto questo probabilmente da Torino partiranno le navette per Garlasco (provincia di Pavia, 150 km da Piazza Castello) e probabilmente ci sarà non solo il tutto esaurito, ma pure la gente fuori. Puro nichilismo. Pura ‘locura’. Verrà la morte, e avrà gli occhi vuoti di chi non crede più in niente.

1918676_10153488325508409_8749996217668198172_n

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...