Legge elettorale: the world won’t listen

Interessantissime tutte le discussioni sulla legge elettorale, ci mancherebbe. Il punto, ora, sarà capire se tenere questa legge (armonizzandola per il Senato) o farne una ex-novo in Parlamento. La divisione, quindi, è tra chi vuole votare subito e chi vuole aspettare. Mentre tutti noi filosofeggiamo su questioni che sembrano sostanzialmente relativa alla convenienza e sopravvivenza immediata di uno o l’altro gruppo politico, però, stanno uscendo dati che ci dicono altro.

Ci dicono che la sfiducia verso il futuro sia così alta da portare le persone ad avere sempre più sfiducia nei confronti della politica e sempre più richiesta etica e morale verso il mercato, il consumo e il mondo dell’impresa. Come se i decisori non avessero più nessun potere immediato per migliorare effettivamente la vita dei cittadini. Percependo come tutto inutile, si va a cercare altro e si chiede direttamente al “mittente” più etica, più diritti, più costruzione di comunità attraverso il consolidamento e la reputazione del proprio brand (leggere Dino Amenduni qui).

Al solito, mentre continuiamo a discutere dentro il circolo chiuso, alimentando le nostre camere dell’eco, il mondo va da un’altra parte. Giusto preoccuparsi di “come” andare a votare. Qualcuno dovrebbe cominciare a preoccuparsi di “cosa” chiedere di votare. La politica salva se stessa solo se esce da se stessa.

(Facebook)

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...