Contro i giovani?

Intervistato dal Corriere della Sera, oggi, Romano Prodi ha dichiarato che i giovani «deludono sempre». Posta la natura strettamente politica della frecciatina, io sono convinto che gran parte dei problemi che ‘bloccano’ quelli della mia generazione sia proprio il terrore di sbagliare, di deludere e lo stigma sociale che ne deriva. Come se sentissimo una pressione metafisica che, per paura di non farcela, ci impedisce di provare a fare alcunché pena l’esclusione, il dileggio, il fallimento. I giovani – e lo dice uno che da qualche parte del mondo non è più considerato giovane (giustamente) – non solo devono essere liberi di sbagliare, deludere, cadere e rialzarsi dopo aver imparato, ma devono anche, forse soprattutto, fregarsene quanto basta del parere dei Padri. Anche di quelli nobili e illuminati come Prodi, soprattutto quando si dimenticano che le parole sono importanti.

(su Facebook)

L’esito scontato

Quando il Presidente del Consiglio, nonché segretario del Pd, afferma che ogni decisione politica è stata presa all’interno degli organi di partito, con votazioni aperte in direzione nazionale, ha ragione. Fuor di dubbio. Resta da capire il ‘senso’ di quelle decisioni. Il tempo per la riflessione e l’elaborazione e anche il peso del voto di una direzione che, a conti fatti, parte da un rapporto di forza fortissimo verso il segretario. Quella che manca non è la voglia di fare le cose, ma la dialettica interna. Come se le direzioni fossero l’occasione per le minoranze di fare la loro parata di critiche e proposte, per poi vedere tutti i loro punti nemmeno presi in considerazioni per la legge dei numeri. Insomma, il problema è questo. E non è una critica aprioristica al segretario. Del resto, apro il Corriere (non certo uno dei fogli più ostili) e leggo: «All’assemblea di oggi chiederà ai deputati di votare sulla sua proposta che contiene due punti precisi: l’immodificabilità dell’Italicum e la richiesta ai parlamentari del Pd di non presentare emendamenti sulla legge elettorale voluta dal governo». L’esito, in ogni caso, mi sembra abbastanza scontato.