Musica 2015 – Top 10

Eccola qui. La mia Top 10 del 2015 in musica. Direi che rispecchia molto bene il tipo di anno che ho vissuto. Come sempre, si tratta di una classifica autobiografica al 101%. Insomma, se guardate bene, un bel disco con le chitarre jangle-pop lo abbiamo trovato anche quest’anno zeppo di elettronica.

(1) Holly Herndon, Platform
[https://youtu.be/nHujh3yA3BE]

(2) Beach House, Depression Cherry
[https://youtu.be/GfITojs_mNg]

(3) Courtney Barnett, Sometimes I Sit and Think, and Sometimes I Just Sit
[https://youtu.be/2ZOGlFdReMM]

(4) Grimes, Art Angels
[https://youtu.be/Tv9YoYCKNoE]

(5) Natalie Prass, Natalie Prass
[https://youtu.be/HXJJSPUpAQE]

(6) Four Tet, Morning/Evening
[https://youtu.be/nWJV83LyBz8]

(7) Tobias Jesso Jr., Goon
[https://youtu.be/TEeueAZUVeM]

(8) Martin Courtney, Many Moons
[https://youtu.be/vvN4wroh2Wc]

(9) Julia Holter, Have You In My Wilderness
[https://youtu.be/X2JgMniIpRM]

(10) Father John Misty, I Love You, Honeybear!
[https://youtu.be/khk77JHALmU]

Fuori classifica Kendrick Lamar, che lo state mettendo tutti.
Disco che avrei voluto mettere ma non ho ascoltato a sufficienza: Tame Impala.
Delusione cocente Chvrches: ci avevo sperato tanto e invece hanno fatto un disco insignificante e quasi innocuo.

Annunci