E poi c’è l’Italia

In Francia, Benoît Hamon diventa candidato presidente del partito socialista proponendo reddito di cittadinanza, politiche ambientaliste e un programma di tutele sociali per tutti. Quasi sicuramente non diventerà presidente – il PS è molto basso nei sondaggi – ma sta segnando un netto cambio di rotta rispetto alle idee “inevitabiliste” di Valls. Negli Stati Uniti, si sta scendendo in piazza a cadenza regolare per protestare contro gli ordini esecutivi assurdi, razzisti, escludenti di Donald Trump. Probabilmente non porteranno a nessun risultato politico sul breve periodo (per quanto gli avvocati che, pro bono, stanno lavorando per scoprire le falle del decreto per tenere fuori dal paese gli abitanti di sette stati musulmani, abbiano riportato qualche piccola vittoria) ma si tratta di un segnale importante per un paese che è sempre stato all’avanguardia per le battaglie ‘civili’ e che ha permesso a un personaggio come Bernie Sanders di dire alcune cose importanti e a dirle a un numero sempre crescente di persone. In Spagna ci sono Podemos e Ada Colau, sindaca di Barcellona, su cui possiamo avere tutte e perplessità del caso ma che ad oggi rappresentano l’avanguardia di quel “populismo di sinistra” che in tanti evocano nella forma ma che pochi sanno come trasformare in consenso e sostanza politica. Insomma, da qualche parte, andando per tentativi, e magari in modo imperfetto, si comincia a pensare, fare e costruire qualcosa di diverso. E poi c’è l’Italia. Dove si parla dei problemi interni del Pd, della voglia ostinata e sorda di una persona sola – Matteo Renzi – di andare a votare in barba a qualsiasi logica di progetto, visione e pensiero sul paese, come se fosse una ‘vendetta personale’ (contro chi, poi?) e dove tra scissioni, creazioni, distruzioni, campi aperti, massimidalemi e la ormai cronica mancanza di idee, l’unica cosa di Sinistra che ancora si riesce a vedere è quell’autoreferenzialità conservativa che a breve porterà tutti noi a farci molte domande su dove, come, quando e soprattutto perché cazzo abbiamo cominciato a sbagliare e a non riprenderci proprio più.

(Facebook)

Contro i giovani?

Intervistato dal Corriere della Sera, oggi, Romano Prodi ha dichiarato che i giovani «deludono sempre». Posta la natura strettamente politica della frecciatina, io sono convinto che gran parte dei problemi che ‘bloccano’ quelli della mia generazione sia proprio il terrore di sbagliare, di deludere e lo stigma sociale che ne deriva. Come se sentissimo una pressione metafisica che, per paura di non farcela, ci impedisce di provare a fare alcunché pena l’esclusione, il dileggio, il fallimento. I giovani – e lo dice uno che da qualche parte del mondo non è più considerato giovane (giustamente) – non solo devono essere liberi di sbagliare, deludere, cadere e rialzarsi dopo aver imparato, ma devono anche, forse soprattutto, fregarsene quanto basta del parere dei Padri. Anche di quelli nobili e illuminati come Prodi, soprattutto quando si dimenticano che le parole sono importanti.

(su Facebook)

Legge elettorale: the world won’t listen

Interessantissime tutte le discussioni sulla legge elettorale, ci mancherebbe. Il punto, ora, sarà capire se tenere questa legge (armonizzandola per il Senato) o farne una ex-novo in Parlamento. La divisione, quindi, è tra chi vuole votare subito e chi vuole aspettare. Mentre tutti noi filosofeggiamo su questioni che sembrano sostanzialmente relativa alla convenienza e sopravvivenza immediata di uno o l’altro gruppo politico, però, stanno uscendo dati che ci dicono altro.

Ci dicono che la sfiducia verso il futuro sia così alta da portare le persone ad avere sempre più sfiducia nei confronti della politica e sempre più richiesta etica e morale verso il mercato, il consumo e il mondo dell’impresa. Come se i decisori non avessero più nessun potere immediato per migliorare effettivamente la vita dei cittadini. Percependo come tutto inutile, si va a cercare altro e si chiede direttamente al “mittente” più etica, più diritti, più costruzione di comunità attraverso il consolidamento e la reputazione del proprio brand (leggere Dino Amenduni qui).

Al solito, mentre continuiamo a discutere dentro il circolo chiuso, alimentando le nostre camere dell’eco, il mondo va da un’altra parte. Giusto preoccuparsi di “come” andare a votare. Qualcuno dovrebbe cominciare a preoccuparsi di “cosa” chiedere di votare. La politica salva se stessa solo se esce da se stessa.

(Facebook)

Il marketing dei vitelloni

La Lega Nord non ha mai fatto politica. Da quando è nata, è sempre stata una sorta di compagnia di giro la cui unica preoccupazione era trovare un passatempo e un’occupazione a dei vitelloni che non avevano nessuna intenzione di lavorare. Il suo programma è sempre stato un bignami di rivendicazioni da strapaese in un dato periodo storico. Queste rivendicazioni cambiano dal 1992 al 2016, e con loro, cambiano anche gli attori che devono portarle avanti. L’esercizio leghista, da Bossi a Salvini, non è quello di fare politica, ma fare del marketing politico portando all’esasperazione i toni del fantomatico uomo della strada. Le soluzioni ai mali del paese, si sa, si trovano al bar. E la Lega, attraverso l’istituzionalizzazione di un senso comune livoroso e rancoroso, ha dato voce a un manipolo di persone che ha sempre cercato l’origine del problema altrove: il fisco, i clandestini, Roma, l’Europa. Il vitellone ha trovato i suoi simili. La Lega ha spettacolarizzato, prima in Italia, lo scaricabarile come ethos pubblico. Le responsabilità non sono mai nostre, sono sempre di qualcun’altro. Un grandissimo esercizio di consolazione collettiva che trova ampio seguito proprio perché saremo sempre portati a stare con chi ci dice che la colpa non è nostra. E Salvini, in questo, è un maestro. Lui non è un politico, è un uomo di spettacolo con dietro una grande squadra di pubblicitari e spin doctor. Quello che ha fatto ieri – mostrando una totale mancanza di vergogna e senso del ridicolo – rispetta perfettamente il copione. È uno spettacolo. Di merda, ma sempre spettacolo. Noi possiamo sempre cambiare canale.

Sondaggite. Anche oggi.

Ed ecco che anche nella discussione sulle Unioni Civili emergono i sondaggi. «I sondaggi dicono…», «I sondaggi affermano…», «Consultando i dati…» ecco, sapete che c’è? Mi sono un po’ stufato di una politica schiava dei sondaggi, che non riesce a prendersi la responsabilità di una decisione sulla base di un’idea, di un orizzonte, di un obiettivo. I sondaggi sono utilissimi. Anzi, sono fondamentali. Ci devono aiutare a prendere decisioni migliori: su questo hanno ragione gli esperti e mai potrei immaginare un universo privo di dati, rilevazioni e sondaggi. Il problema non è lo strumento in sé ma – come sempre – l’uso che se ne fa. Siamo, da anni ormai, in piena ‘sondaggite’: quasi una teologia. Ogni nostro passo deve seguire dei dati che ci confermano che possiamo farlo. Ogni nostra decisione deve essere presa in risposta ad analisi che dimostrano oggettivamente il polso della situazione. Insomma, una politica che non guida, ma risponde. Una politica che non propone, ma para il colpo. Una politica totalmente impotente di offrire una visione, un’idea, qualcosa per cui vale la pena lottare. Insomma, la gestione di un esistente che non sembra nemmeno così esaltante e nessun coraggio di superare un copione già scritto.

Tutto tranne che un problema

A quelli che dicono «Con tutti i problemi che ci sono, dobbiamo sempre occuparci degli omosessuali?» Ecco, proprio perché i problemi sono davvero ben altri si deve far passare il DDL Cirinnà così com’è. Senza perdere ulteriore tempo. Così torniamo a occuparci dei problemi veri. La questione infatti è tutto tranne che un problema.

(pubblicato su Facebook)

Raccontare il cambiamento. Non importa quale che sia

Ma se proprio vuoi sentirti sull’orlo di uno straordinario cambiamento nella tua vita, che poi si verifichi o no, devi dirlo agli altri. «Sono alla vigilia di uno straordinario cambiamento. Tutte le fibre del suo essere saranno elettrizzate, signore, quando le dirò cosa ho in mente di fare». Articolato in parole ti farà intravedere la possibilità di attuarlo. Non importa quale sia.

(Don DeLillo, Giocatori,  p. 41)

Ricorda qualcosa? O qualcuno?