Autoassoluzione

È davvero difficile sapere se stai rinunciando a scrivere un libro proprio perché non lo si può scrivere o se la tua è solo pigrizia, se hai razionalizzato l’idea che non sia possibile scriverlo perché ti manca la fibra per non mollare, per continuare nel tuo intento. Anche se è da molto tempo che scrivi – sopratutto se è da molto tempo che scrivi – è quasi impossibile riuscire a penetrare fra gli strati dell’inganno, le illusioni e le autoassoluzioni che ti portano a rinunciare a un libro e ad assolverti per aver rinunciato.

Geoff Dyer, Sabbie Bianche (Il Saggiatore 2017, p. 160)

Annunci